• Consulta delle Donne
    Consulta delle Donne
  • Marchio Etico
    Marchio Etico abc abc abc abc abc abc abc abc
  • ONERPO
    ONERPO Osservatorio Nazionale ed Europeo per il Rispetto delle Pari Opportunit�
  • Mai più spose bambine
    Mai più spose bambine
  • March against Monsanto - Roma
    March against Monsanto - Roma Powered by RokGallery, the header slideshow is quick to setup and easy to configure.

L’INFORMAZIONE LIBERA DI RADIO RADICALE

.

Il servizio pubblico a doppia corsia che radio radicale compie da trent’anni è patrimonio di tutti. Nessuno oggi è in grado di fare altrettanto

Soldi ben spesi i dieci milioni di radio radicale nel contratto triennale. Quanti soldi pubblici si buttano via per dissimulati tentativi di comunicazione democratica, o per opportunistiche sottrazioni di proventi pubblici a scopi privati? L’alta professionalità delle trasmissioni di radio radicale che garantisce tutti è un modello che va mantenuto per la democrazia dell’informazione. La qualità del messaggio, l’equidistanza nella divulgazione di convegni, meeting, tavole rotonde, è una ricchezza universalizzata di cui non possiamo fare a meno. L’emittente nata nel 1975 su iniziativa di un gruppo di militanti radicali è stata la prima in Italia ad occuparsi esclusivamente di politica creando un modello di informazione nuovo, cristallino, integrale sugli eventi politici associativi e istituzionali. Senza censure, né preventive discriminazioni settarie nella scelta di cosa trasmettere e cosa no. L’esperienza di Barcamp per esempio, nell’ottobre 2008 presso l’Auditorium dell’Università Popolare in via 4 Novembre, è una delle tante che ha dato voce a centinaia di piccoli gruppi inascoltati giunti a Roma. (Conferenza-BarCamp “La crisi della (non)democrazia”). I relatori liberi sono partiti da ogni dove portando all’attenzione di milioni di ascoltatori questioni che sono nell’interesse comune anche se snobbati da emittenti pubbliche e private che seguono percorsi meno pluralistici nella divulgazione. Possiamo dire che radio radicale è il primo e unico esempio di ‘doppia corsia nella comunicazione’, una in andata e l’altra di ritorno. Le notizie vanno e vengono dal centro divulgativo alla gente, dalla gente al centro; dalle istituzioni alla radio, dalla radio ai cittadini che rimandano l’elaborazione di quanto si è ascoltato con proposte analisi, proteste, idee. C’è voce per tutti. Dal Turkestan al Tibet, dalla Sicilia all’Alto Adige. Tutti i partiti divulgano i loro congressi, ogni iniziativa che abbia un significato sociale e un interesse pubblico ha diritto di antenna su radio radicale. I carcerati di radio carcere hanno uno spiraglio di luce dal quale osservare l’esterno e attraverso cui mandare notizie della loro vita al di sotto della tollerabilità umana. L’ultima dalla prigione di Marassi a Genova fa sapere che lì le celle, invase da blatte grandi quanto lucertole, hanno 9 letti in pochi metri quadri rendendo palese a chi ascolta l’alienante privazione di quel minimo di dignità umana che dovrebbe essere garantita anche a chi ha sbagliato. Radio Radicale ha ideato trasmissioni per comunità di immigrati, interviste di strada, ‘filidiretti’ con ospiti politici. L’archivio storico di radio radicale è un documento pubblico di somma importanza, unico e irripetibile che restituisce a distanza di anni la registrazione di un seminario, la dichiarazione di un esponente istituzionale, il clima politico di un dato periodo. Radio radicale, il più grande archivio della democrazia italiana è storia della nostra repubblica, ed è raffinata scuola di politica. Una storia scritta su piste di registrazione vocale che non può, anche volendo, essere mal ricordata, modificata o interpretata, come potrebbe accadere su testi scritti. Salviamo la radio che è di tutti, anche di chi ha idee politiche diverse o addirittura avverse a quelle dei radicali. L’esercizio di democrazia a cui ci siamo abituati con radio radicale ci mancherebbe, se fosse annullato, come la razione quotidiana di vitamine. Nutrimento necessario per chi ha fame e sete di pluralismo e verità. Wanda Montanelli Roma, 23 0ttobre 2009 altre notizie

SANTORO, PERCHE’ TACERE SUL RESTO?

.

La lente d’ingrandimento di AnnoZero ancora incentrata sugli aspetti pruriginosi del femminile in politica. A quando un’inchiesta seria e approfondita sulla mortificazione dell’impegno delle donne? Quando si dice una verità bisogna dirla tutta: troppo comodo dirla a metà dimenticando la parte che non ci piace.

Mi domando con rammarico perché Michele Santoro nel suo programma AnnoZero e in altri precedenti non abbia mai affrontato a fondo i tema dell’uso strumentale delle donne in politica di cui la D’Addario è solo una faccia della medaglia. Ad iniziare dal titolo “No Giampi, no party, viaggio nel sistema Tarantini”. Inviterei il Michele nazionale a leggere il mio post EUROPEE: NO DONNE NO PARTY del 14 giugno di quest’anno che guarda caso nasce dallo stesso problema di come si candidano le donne per le Europee e per le carriere di ogni genere, approfondito poi nel workshop di Fare Futuro, e finito male in famiglia Berlusconi per l’ indignazione di Veronica Lario. Contatti con la redazione del programma ne abbiamo avuti, ma sempre si è preferito non sviscerare tutto l’aspetto delle mortificazioni femminili che il più delle volte o si vendono, o hanno un protettore alle spalle, o non fanno neppure un passo avanti. Di storie di donne che hanno militato per anni credendo di poter incidere nel cambiamento della società con la forza delle proprie idee, l’impegno e la dirittura morale ce ne sono a centinaia. Il fatto è che nessuno le racconta perché non servono al medagliere di lotta politica di fazione. Si parla della vicenda della sottoscritta soprattutto in blog e siti liberi, su qualche quotidiano, ma in sordina perché le rivendicazioni di una donna guerriera mettono paura, specie se sono finite in tribunale citando il disprezzo degli articoli 3,2, e 51 della Costituzione; specie se si parla dell’impoverimento già congenito dell’economia femminile ulteriormente aggravato dall’appropriarsi di fondi destinati per legge alla “promozione delle donne alla politica” (Legge157/99, art.3), se si dice che mogli e amanti anche in altri partiti hanno la strada spianata per muovere passi agevolati come con il girello per bambini. Una causa per danno esistenziale, una richiesta risarcitoria globale di un milione e seicentomila euro, 170 testimoni citati tra cui noti uomini politici e attivisti, due scioperi della fame fino a 42 giorni con l’intervento del presidente Giorgio Napolitano; una stampa estera che ha divulgato la faccenda dal Canada alla Spagna, a tutta l’America Latina. (STAMPA ESTERA). Tutto questo non interessa Michele Santoro che dalla redazione una volta ci ha fatto sapere che ringrazia molto per i contributi documentali che puntualmente riceve dal Comitato che mi sostiene, un’altra volta mi fa chiamare da una loro redattrice per chiedermi di poter invitare delle “giovani attiviste”, che possano parlare in trasmissione della vita interna di partito, e poi quando fornisco loro nomi cognomi e relativi contatti telefonici, prima le contattano e le invitano, poi con un sms annullano la partecipazione (è comunque roba di alcuni mesi fa) per motivi, credo, pretestuosi. Forse non era piaciuta la canzone che le attiviste avrebbero cantato. Forse si preferisce un tono monocorde che replichi note che ormai tutti sappiamo a memoria. Concludo affermando che ritengo essere Michele Santoro uno dei più capaci professionisti della televisione. Maggiormente questo mi addolora. Offro a lui e a chi mi legge una fotografia in misura ridotta dell’altra faccia della medaglia, che volendo si può conoscere meglio e fare un vero servizio giornalistico politico e sociale. Wanda Montanelli

Su di me

Chi sono

image

image

Informazioni

Wikipedia

Facebook

image

image

Visita la mia pagina

Ricevi i miei aggiornamenti quotidiani sulla mia pagina facebook.

Twitter

image

image

Seguimi su twitter

Ricevi i miei aggiornamenti quotidiani sul mio account twitter.

A cosa lavoro


Consulta delle Donne

Consulta delle Donne

Notizie e promozione di attività al femminile, dal 2003

ONERPO

ONERPO

Osservatorio Nazionale ed Europeo per il Rispetto delle Pari Opportunità

March Against Monsanto - Roma

March Against Monsanto – Roma

Manifestazioni e informazioni per combattere gli OGM e le sofisticazioni alimentari

Mai più spose bambine

Mai più spose bambine

Campagna per fermare i matrimoni forzati di bambine che avrebbero diritto all’infanzia.

Marchio Etico

Marchio Etico

Per la dignità dei lavoratori, contro il lavoro minorile.