Category Archives: Pari Opportunità

KAMALA HARRIS DALLA PARTE DELLE DONNE

 

Kamala Harris dalla parte delle donne: “La democrazia dipende dalla loro emancipazione”

“Lo stato delle donne è lo stato della democrazia”: lo ha detto Kamala Harris. La vice presidente è intervenuta in occasione della 65ma Commissione sullo Stato delle donne, l’organismo delle Nazioni Unite impegnato in nome dell’uguaglianza di genere. Ha ribadito l’impegno suo e di  per impostare una democrazia più al femminile.

Continua a leggere: Kamala Harris dalla parte delle donne

 

Deb Haaland la prima nativa americana a dirigere un dipartimento di governo

 

La rappresentante Deb Haaland del New Mexico è la candidata del presidente Biden a diventare segretario degli interni. Un comitato del Senato giovedì ha approvato la sua nomina a prossimo segretario dell’Interno, con il sostegno delle senatrici Lisa Murkowski dell’Alaska e Susan Collins del Maine, entrambi repubblicane.

La sua è una “nomina storica” in rappresentanza dei nativi dell’Alaska, che costituiscono il 18% della popolazione dello stato.

Leggi tutto

One Billion Rising, l’evento globale per porre fine alla violenza contro le donne

 

Viviamo in un momento di sconvolgimento e trasformazione. Insieme siamo cresciuti per liberare le donne dalla violenza sessuale e fisica nelle sue forme più evidenti: stupro, incesto, molestie sessuali, mutilazioni genitali, schiavitù sessuale e tratta, matrimonio infantile, femminicidio, oppressione riproduttiva. E abbiamo avuto molte vittorie.

Entriamo nel nostro settimo anno di One Billion Rising, ci troviamo di fronte a sfide più grandi. Per porre fine alla violenza contro le donne, dobbiamo impegnarci in un esame più approfondito della violenza in tutte le sue forme. Insieme alla violenza sessuale e fisica, dobbiamo anche considerare la violenza sistemica in campo economico, politico, socio-culturale, ambientale e ideologico.

Mentre continuiamo ad attivarci per porre fine alla violenza contro le donne, è inevitabile ora ampliare la nostra cognizione dell’oppressione e dello sfruttamento delle donne nel contesto del capitalismo, della colonizzazione, del razzismo, dell’imperialismo, del saccheggio ambientale e della guerra. Siamo stati suddivisi in compartimenti e divisi per troppo tempo. La nostra crescita deve ora collegare l’oppressione specifica all’umanità universale comune che ci lega tutti. Questo non riguarda solo il nostro modo di vivere, ma anche il modo di essere nel mondo. Non è un giorno che abbiamo iniziato a sollevarci, ma ogni giorno questa coscienza deve sorgere in tutto ciò che facciamo.

Vi chiediamo quest’anno di essere più coraggiosi, approfondire, riflettere, studiare, ascoltare, imparare, risvegliare ciò che non si conosce, porre domande difficili, impegnarsi, intraprendere azioni e spingersi fuori dalle zone di comfort fisicamente e intellettualmente. Vi chiediamo di impegnarvi per resistere ed essere solidali.

Perché la crescita non consiste in una sola campagna, ma dev’essere uno stile di vita.

DIFFONDI LA PAROLA SUI SOCIAL MEDIA

The 2019 Campaign – One Billion Rising Revolution

Contro la violenza sulle donne torna ONE BILLION RISING, un evento planetario

One Billion Rising Italia

Soffia un vento di vittoria delle donne che ce la fanno da sole?

Sulla nuova libertà delle donne a cui assistiamo non sono d’accordo con Laura Onofri e, almeno questa volta, devo dar ragione a Concita De Gregorio

elezioni-comunali_wm.politica

Sicuramente non sono state scelte dai vertici del partito (quei tre o quattro uomini che comandano, quando non si tratti di un padre padrone). Non hanno dovuto cedere a ricatti, passare da letti di capi partito, lavorare il doppio degli uomini compiendo in triplo salto mortale per dimostrare che sono brave. Sì, immagino che siano stremate per la campagna elettorale, così come sono stremati gli uomini del loro stesso movimento, e tutti gli altri candidati di qualsivoglia simbolo.

Leggi tutto

Lettera ad uno stalker prima che uccida la sua donna

StalkerCaro Stalker,

permettimi di chiamarti così. Sono quasi sicura che tu rifiuterai questo appellativo perché non ti senti stalker, allo stesso modo dei violenti che non accettano di essere riconosciuti come tali, e gli assassini che rimuovono la loro ferocia quasi appartenesse ad altro da sé. Tuttavia da qualcosa bisogna partire per cominciare a parlare, ed io parto da qui. Sempre pronta a ricredermi però. Anche perché la decisione finale tra essere o non essere uno stalker è la tua.

 Sgomberando il campo dagli squilibrati che immaginano possibili storie con donne virtuali, nel senso che

Leggi tutto